Boutique Branding Studio

visual & wedding design

La storia di LauraG è Crazy!


Oggi vi racconto la storia di LauraG, uno pseudonimo bellissimo per una donna in gamba e davvero coraggiosa. Laura è una mamma che ha deciso di fare del suo hobby un lavoro, e ci sta riuscendo alla grande!

Dal suo matrimonio fai-da-te a piccoli eventi organizzati per le amiche, la passione per la preparazione dei materiali cresce sempre più e dà forma a una piccola attività, fatta con passione e in cui non manca mai il divertimento. Le feste per i bambini sono il cuore pulsante del suo progetto. Nasce così Crazy Creations Firenze e Laura diventa una “Stilista delle Feste” a tutti gli effetti.

Vi starete chiedendo cosa c’entra pianobi.

Qualche tempo fa ricevo un messaggio che recita qualcosa del genere: “Ho bisogno di un logo. Mi hanno detto che tu sei molto brava. Ma preparati perché io sono davvero una rompipalle!”.

Parlo con Laura al telefono mentre la mia bimba dorme e le sue due sono in risveglio, con qualche capriccio in sottofondo. Ci capiamo. Lei mi piace da subito e invidio il suo accento spiccatamente toscano.

Mi metto a lavorare su questo brand new logo dopo poco tempo, le presento due proposte in netta antitesi tra loro. Lei sceglie di getto quella “più crazy”: fa emergere il lato brioso e creativo del suo brand!

Il font è un calligrafico molto particolare, di cui ho utilizzato solo le lettere minuscole in contrapposizione al maiuscolo del pay off “FIRENZE”. Ho optato per una sola linea di testo tutto attaccato. Sono i colori a favorirne un’efficace lettura: una sfumatura di viola tipicamente fiorentino con un punto di rosso cardinale che dà luminosità e un tocco inconfondibile di stile.

Il tutto ben amalgamato dal bianco e dal nero. La variante dello sfondo viola al posto del solito nero sul logotipo negativo è pensata e voluta sempre in ottica di alleggerire il logo ma conservandone i tratti particolari.

Moodboard Crazy

Gioco con qualche pattern e realizzo quattro “crazy cover” per le sue stories di Instagram. E poi dicono che alle creative non piace collaborare? Ogni progetto è uno scambio, una crescita professionale e personale.

Un grazie a Laura per questa bella avventura e un grande in bocca al lupo al suo brand creativo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *